Margherita Rimi

                          

    

    

 

 

 

 

Ma Questa è 

 

Ma Questa è

la misura

Questo dolore tutto

da attraversare

 

con occhi
che sgranano il distacco
che spaiano il mistero

alle carezze

 

Partenze consapevoli

dal corpo
in cambio di niente

compongono distanze

 

Ricompense e furti

 

Misera di me
minacciata

pelle.

 

 

 

Va per il meglio

 

Va per il meglio

l’ora interrotta


Mi metterò
tra te
e
la morte

 

Nello specchio degli occhi
tireremo a sorte
Da ricordo a
ricordo

al collo del più forte
 

Obbligheremo il mare

a farsi come allora

e poi da qui alla

realtà

Dalla felicità all’idea

che non va più a segno

Dal corpo che

non ci abbandona

vivi                                   

per poco meno eterni.

 

 

 

Mi trovo

 

Mi trovo
incerta
sulle mie
parole

Cadute a sacco
senza rimediare
neanche al poco
che potevo
dire

 

  

Margherita Rimi è neuropsichiatra infantile e abita a Casteltermini (AG)

Commenti pervenuti  

Versi scarnificati con bravura, per renderli simili alla sua "minacciata/pelle"
e mostrare i segni che lasciano i distacchi e le partenze dal corpo. E come
mi ritrovo, con Margherita Rimi, in quel "Mi trovo", incerto "sulle mie/parole/Cadute
a sacco/senza rimediare...".
E' una poesia di un'alta consapevolezza dell'incrociarsi di vita e parola.
Antonio Fiori
 

Nelle poesie di Margherita Rimi un senso materno e un occhio, nella pur presente difficoltà a capire, attento alla profondità dei simboli che si seminano senza accorgersene.  Luca Mingioni

 

Alcuni enjambement significativi rendono toccanti le sensazioni evocate dalle poesie profonde di Margherita Rimi.   Maurizio Falasca.